Quando il “dialetto” diventa “italiano”: il caso del linguaggio della gastronomia