Le varietà linguistiche della “Campania perduta” come fonte per la storia del territorio