Credaro fra critica e storiografia