La sindrome metabolica: condizione di rischio cardiovascolare da prevenire o condizione patologica da curare?