Le modificazioni emoreologiche nel bambino obeso: un nuovo fattore precoce di rischio aterogeno?