Risonanza magnetica:valutazioni in vitro su lesioni aterosclerotiche carotidee