Su un caso di duplicazione in Livio IX 20