Denervazione vagale dell’esofago: ulteriore contributo sperimentale