"L’International Association for the Study of Pain descrive il dolore come un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata ad un danno reale o potenziale del tessuto.. Tale definizione, supportata anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il dolore non debba essere inteso solo come sintomo di una lesione corporea ma, soprattutto, come un’esperienza somato-psichica.. La percezione dell’intensità del dolore non è proporzionale all’estensione del danno tessutale ma dipende da una interazione tra fattori fisici, psicologici, culturali e spirituali. Un’adeguata valutazione e misurazione del dolore è il primo passo per ottenere una strategia per il controllo del dolore. Essa ha lo scopo di identificarne la causa, la tipologia e la sede, l’intensità e la durata, i fattori scatenanti e quelli che alleviano il sintomo, il grado di interferenza con la qualità di vita del paziente: il lavoro, la vita sociale, le emozioni, il sonno, l’appetito, il tono dell’umore e l’attività sessuale. Per ottenere un’anamnesi accurata è fondamentale instaurare una buona comunicazione in un triangolo di figure costituite dal medico, dal personale infermieristico e dal paziente ed utilizzare strumenti di valutazione del dolore più oggettivi e precisi, avvalendosi di scale di riferimento e questionari che devono essere, necessariamente semplici, non contraddittori e facilmente riproducibili in modo da garantirne l’uso più volte al giorno.. "

APPROCCIO AL PAZIENTE CON DOLORE CRONICO

PALADINI, ANTONELLA;CICCOZZI, ALESSANDRA;PIROLI, ALBA;MARINANGELI, FRANCO
2012-01-01

Abstract

"L’International Association for the Study of Pain descrive il dolore come un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata ad un danno reale o potenziale del tessuto.. Tale definizione, supportata anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il dolore non debba essere inteso solo come sintomo di una lesione corporea ma, soprattutto, come un’esperienza somato-psichica.. La percezione dell’intensità del dolore non è proporzionale all’estensione del danno tessutale ma dipende da una interazione tra fattori fisici, psicologici, culturali e spirituali. Un’adeguata valutazione e misurazione del dolore è il primo passo per ottenere una strategia per il controllo del dolore. Essa ha lo scopo di identificarne la causa, la tipologia e la sede, l’intensità e la durata, i fattori scatenanti e quelli che alleviano il sintomo, il grado di interferenza con la qualità di vita del paziente: il lavoro, la vita sociale, le emozioni, il sonno, l’appetito, il tono dell’umore e l’attività sessuale. Per ottenere un’anamnesi accurata è fondamentale instaurare una buona comunicazione in un triangolo di figure costituite dal medico, dal personale infermieristico e dal paziente ed utilizzare strumenti di valutazione del dolore più oggettivi e precisi, avvalendosi di scale di riferimento e questionari che devono essere, necessariamente semplici, non contraddittori e facilmente riproducibili in modo da garantirne l’uso più volte al giorno.. "
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/89450
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact