Secondo molti, la più grande rivoluzione del nostro tempo è stata la rivoluzione delle donne, trattata dai maggiori sociologi contemporanei, da Giddens a Beck, da Bourdieu a Bauman. Ma nessuno ha adottato un approccio radicale come quello di Alain Touraine, che è uno dei sociologi più noti; autore di migliaia di pagine tra volumi propri e collettanei, prefazioni, interventi, saggi, interviste, diari, lettere, articoli su giornali, in varie lingue. È un percorso che dura da cinquant’anni e che dunque ha attraversato varie fasi di ripensamento e di approfondimento, passando da un tema tipico dell’Ottocento (la sociologia del lavoro) ad un tema tipico del Duemila (la sociologia del soggetto). Molti vedono in lui uno dei maggiori rappresentanti di un impegno radicalmente democratico, che affronta in maniera innovativa i temi dei diritti, delle donne, della convivenza, con una forte tensione verso il futuro e la storia che è in costruzione. Sul tema Touraine ha scritto uno tra i suoi volumi più impegnativi. Nel mio lavoro la trattazione non è agiografica; infatti sono riportate le critiche di autori come Manuel Castells e Franco Ferrarotti. Il mio saggio in un certo senso è dedicato più alla "questione femminile" che ad Alain Touraine, perché i temi in discussione coinvolgono tante ricerche empiriche, teorie, interpretazioni.

Alain Touraine e la questione femminile

GAMMONE, MARIATERESA
2010

Abstract

Secondo molti, la più grande rivoluzione del nostro tempo è stata la rivoluzione delle donne, trattata dai maggiori sociologi contemporanei, da Giddens a Beck, da Bourdieu a Bauman. Ma nessuno ha adottato un approccio radicale come quello di Alain Touraine, che è uno dei sociologi più noti; autore di migliaia di pagine tra volumi propri e collettanei, prefazioni, interventi, saggi, interviste, diari, lettere, articoli su giornali, in varie lingue. È un percorso che dura da cinquant’anni e che dunque ha attraversato varie fasi di ripensamento e di approfondimento, passando da un tema tipico dell’Ottocento (la sociologia del lavoro) ad un tema tipico del Duemila (la sociologia del soggetto). Molti vedono in lui uno dei maggiori rappresentanti di un impegno radicalmente democratico, che affronta in maniera innovativa i temi dei diritti, delle donne, della convivenza, con una forte tensione verso il futuro e la storia che è in costruzione. Sul tema Touraine ha scritto uno tra i suoi volumi più impegnativi. Nel mio lavoro la trattazione non è agiografica; infatti sono riportate le critiche di autori come Manuel Castells e Franco Ferrarotti. Il mio saggio in un certo senso è dedicato più alla "questione femminile" che ad Alain Touraine, perché i temi in discussione coinvolgono tante ricerche empiriche, teorie, interpretazioni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/9223
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact