I negoziati commerciali internazionali: una bicicletta in salita?