Il saggio, nel ripercorrere le linee evolutive della legislazione del lavoro attuativa dei principi costituzionali, esamina il diritto al lavoro (art. 4 Costituzione). Si fornisce una nozione ampia della norma costituzionale che ricomprende, in primo luogo, il diritto sociale all’occupazione, del quale viene esplorata – alla luce delle più recenti innovazioni legislative in materia di mercato del lavoro – la possibilità, per il singolo lavoratore, di agire in giudizio nei confronti della Pubblica amministrazione. Dalla norma costituzionale si ricava anche il diritto del lavoratore a svolgere la propria prestazione senza subire interferenze lesive della sua dignità, in connessione con l’art. 41, comma 2, della Costituzione e, soprattutto, con l’art. 2087 c.c.. In particolare, l’obbligo del datore di lavoro di tutelare la personalità morale del lavoratore implica la necessità di superare le consuete tecniche risarcitorie per apprestare – nel quadro dei più recenti dati normativi in materia di tutela antidiscriminatoria e di sicurezza del lavoro – le indispensabili misure preventive per tutelare la persona del lavoratore.

Il diritto al lavoro tra principi costituzionali e discipline di tutela: brevi appunti

LAMBERTUCCI, PIETRO
2010

Abstract

Il saggio, nel ripercorrere le linee evolutive della legislazione del lavoro attuativa dei principi costituzionali, esamina il diritto al lavoro (art. 4 Costituzione). Si fornisce una nozione ampia della norma costituzionale che ricomprende, in primo luogo, il diritto sociale all’occupazione, del quale viene esplorata – alla luce delle più recenti innovazioni legislative in materia di mercato del lavoro – la possibilità, per il singolo lavoratore, di agire in giudizio nei confronti della Pubblica amministrazione. Dalla norma costituzionale si ricava anche il diritto del lavoratore a svolgere la propria prestazione senza subire interferenze lesive della sua dignità, in connessione con l’art. 41, comma 2, della Costituzione e, soprattutto, con l’art. 2087 c.c.. In particolare, l’obbligo del datore di lavoro di tutelare la personalità morale del lavoratore implica la necessità di superare le consuete tecniche risarcitorie per apprestare – nel quadro dei più recenti dati normativi in materia di tutela antidiscriminatoria e di sicurezza del lavoro – le indispensabili misure preventive per tutelare la persona del lavoratore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/9477
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact