In colloquio con Panfilo Gentile: un liberale abruzzese tra ricordi e dissensi