Sulla catastrofe post-sismica del paesaggio aquilano, immagine, finzione e assuefazione al degrado