«Jacomo Ripanda bolognese» nelle Considerazioni di Giulio Mancini