Il saggio analizza l'intersezione fra il concetto freudiano e lacaniano di fantasmaticità del desiderio, e la categoria contemporanea della spettralità, intesa anche e soprattutto dal punto di vista delle tecniche espressive, e applicata al cinema; il percorso analitico esemplifica questa convergenza prima in due figure canoniche del cinema italiano (Pasolini, Visconti), poi in un film portoghese di ricerca sul feticismo (O Fantasma), e infine in un film contemporaneo di successo come Her, riflessione interessante sulle nuove relazioni affettive nel contesto della smaterializzazione dei nuovi media

Fantasmaticità del desiderio, spettralità del cinema

FUSILLO, MASSIMO
2018-01-01

Abstract

Il saggio analizza l'intersezione fra il concetto freudiano e lacaniano di fantasmaticità del desiderio, e la categoria contemporanea della spettralità, intesa anche e soprattutto dal punto di vista delle tecniche espressive, e applicata al cinema; il percorso analitico esemplifica questa convergenza prima in due figure canoniche del cinema italiano (Pasolini, Visconti), poi in un film portoghese di ricerca sul feticismo (O Fantasma), e infine in un film contemporaneo di successo come Her, riflessione interessante sulle nuove relazioni affettive nel contesto della smaterializzazione dei nuovi media
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/125986
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact