Libere interpretazioni del piano libero. Tra Forte Quezzi e Corviale