"Per satisfar gl’animi acuti … e per pascolo della moltitudine". I libri di laudi oratoriane a stampa e i loro lettori