Secondo la vulgata, il più anticocanzoniere d'autore dovrebbe essere quello di Guiraut Riquier, un trovatore attivo tra il 1254 e il 1292. Nel suo libro di canzoni l'ossessione cronologica manifestata nelle rubriche dettagliate è accompagnata e sovrapposta da una rigida ed egualitaria divisione tra canzoni e vers, e che racconta una svolta dall'amore scrivendo a quello in onore della Vergine Maria. Questa costruzione è probabilmente ispirata a quella delle Cantigas de Santa Maria di Alfonso el Sabio, almeno nella sua prima bozza attribuibile agli anni sessanta del XIII secolo, che a sua volta contrasse un debito con i Miracoli di Nostre Dame di Gautier de Coinci , risalente ad un periodo che va dal 1218-1219 al 1236. La tradizione oitanica sembra quindi aver introdotto molto presto un'idea del "libro". È proprio questa idea che sembra dominare la raccolta di poesie di Thibaut de Champagne, di cui nei manoscritti più importanti esiste una serie ferma e ordinata, e che aveva tutto l'interesse a comporre un libro di canzoni in nome di quell'orgoglio familiare (discende dal trovatore più antico, Guglielmo IX), e da una mutata condizione sociale e letteraria che si aprì all'affermazione della materia. La scrittura palinodica che può essere rintracciata nella sua raccolta di canzoni e che parte dalla nota chanson de change Tant ai amors servi longuement, ha influenzato Guittone dʻArezzo, nella cui scrittura è possibile identificare echi precisi dalla poesia di Thibaut.

Il canzoniere di Thibaut de Champagne: un'ipotesi filologica o una probabilità storica. Thibaut de Champagne's songbook: a philological hypothesis or a historical probability.

Lucilla Spetia
2019-01-01

Abstract

Secondo la vulgata, il più anticocanzoniere d'autore dovrebbe essere quello di Guiraut Riquier, un trovatore attivo tra il 1254 e il 1292. Nel suo libro di canzoni l'ossessione cronologica manifestata nelle rubriche dettagliate è accompagnata e sovrapposta da una rigida ed egualitaria divisione tra canzoni e vers, e che racconta una svolta dall'amore scrivendo a quello in onore della Vergine Maria. Questa costruzione è probabilmente ispirata a quella delle Cantigas de Santa Maria di Alfonso el Sabio, almeno nella sua prima bozza attribuibile agli anni sessanta del XIII secolo, che a sua volta contrasse un debito con i Miracoli di Nostre Dame di Gautier de Coinci , risalente ad un periodo che va dal 1218-1219 al 1236. La tradizione oitanica sembra quindi aver introdotto molto presto un'idea del "libro". È proprio questa idea che sembra dominare la raccolta di poesie di Thibaut de Champagne, di cui nei manoscritti più importanti esiste una serie ferma e ordinata, e che aveva tutto l'interesse a comporre un libro di canzoni in nome di quell'orgoglio familiare (discende dal trovatore più antico, Guglielmo IX), e da una mutata condizione sociale e letteraria che si aprì all'affermazione della materia. La scrittura palinodica che può essere rintracciata nella sua raccolta di canzoni e che parte dalla nota chanson de change Tant ai amors servi longuement, ha influenzato Guittone dʻArezzo, nella cui scrittura è possibile identificare echi precisi dalla poesia di Thibaut.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/141372
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact