Uno e divisibile: Mercato San Severino come modello storiografico