La pubalgia negli atleti: ruolo della risonanza magnetica