Il saggio tratta il tema dell'integrazione delle lacune dal punto di vista teorico e metodologico, proponendo una riflessione sui significati dei manufatti allo stato di rudere e dei contesti specifici in cui si trovano. Ciò si pone come necessaria premessa all'intervento conservativo che non è da considerarsi solo come l'applicazione di una serie di tecniche e modalità operative, ma deve fondarsi preliminarmente su scelte progettuali relative all'integrazione (o meno) di ciò che manca. Nel caso dell'architettura allo stato di rudere, l'integrazione di una lacuna non è tanto una necessità percettiva (dalla Gestaltpsycologie) ma può costituire un mezzo per favorire la conservazione.

Lacuna e restauro. Questioni di metodo

Carla Bartolomucci
2020

Abstract

Il saggio tratta il tema dell'integrazione delle lacune dal punto di vista teorico e metodologico, proponendo una riflessione sui significati dei manufatti allo stato di rudere e dei contesti specifici in cui si trovano. Ciò si pone come necessaria premessa all'intervento conservativo che non è da considerarsi solo come l'applicazione di una serie di tecniche e modalità operative, ma deve fondarsi preliminarmente su scelte progettuali relative all'integrazione (o meno) di ciò che manca. Nel caso dell'architettura allo stato di rudere, l'integrazione di una lacuna non è tanto una necessità percettiva (dalla Gestaltpsycologie) ma può costituire un mezzo per favorire la conservazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/158424
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact