Gergo, linguaggio o metalinguaggio? Sulla natura della giocosimulazione