Il movimento di Corrente, la ricerca di un linguaggio europeo e l’indomabile volontà degli «uomini nuovi»