Il rapporto tra i resti del Tempio di Adriano e lo spazio urbano che li racchiude costituisce un esempio eccezionale di “sovrascritture e strati” determinati e determinanti le diverse riconfigurazioni dell’edificio nella storia. Una complessa struttura urbana, di cui s’intende indagare il legame tra interpretazione e rappresentazione dei resti antichi nel palinsesto di cui sono parte decisiva. Strumento sarà la ‘narrazione’ iconografica che ne ha accompagnato le trasformazioni, a partire da quelle cinque-seicentesche, soffermandosi, in particolare, sulla rilettura dell’edificio e i suoi restauri tra fine Ottocento e nuovo millennio.

Interpretare, rappresentare, narrare. Memoria e luci sul Tempio di Adriano in Piazza di Pietra a Roma

Ciranna S.
2021

Abstract

Il rapporto tra i resti del Tempio di Adriano e lo spazio urbano che li racchiude costituisce un esempio eccezionale di “sovrascritture e strati” determinati e determinanti le diverse riconfigurazioni dell’edificio nella storia. Una complessa struttura urbana, di cui s’intende indagare il legame tra interpretazione e rappresentazione dei resti antichi nel palinsesto di cui sono parte decisiva. Strumento sarà la ‘narrazione’ iconografica che ne ha accompagnato le trasformazioni, a partire da quelle cinque-seicentesche, soffermandosi, in particolare, sulla rilettura dell’edificio e i suoi restauri tra fine Ottocento e nuovo millennio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La città palinsesto_Ciranna_edito.pdf

accesso aperto

Descrizione: testo edito
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.99 MB
Formato Adobe PDF
2.99 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/167111
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact