Plauto, Poenulus 266 e una presunta variante manoscritta attestata da Giovan Battista Pio