Comprendere il comportamento umano rappresenta una delle maggiori sfide a cui è chiamato chi si occupa di Scienze Psicologiche e di Neuroscienze. I processi cognitivi rappresentano gli strumenti con cui parcellizziamo l’ambiente e processiamo le informazioni trasducendole in comportamenti complessi. Una parte cardine in tale processo viene mediato dalle Funzioni Esecutive (FE): processi cognitivi di ordine superiore che in modo top down modulano la corretta esecuzione di processi cognitivi sottostanti. Risultano suscettibili agli insulti derivanti da patologie neurodegenerative e da modificazioni anatomo-funzionali che caratterizzano lo sviluppo cognitivo. Comprendere come possano precocemente alterarsi in alcune patologie significherebbe rintracciare i prodromi di una più generale alterazione della funzionalità cognitiva. Partendo da tali considerazioni, il presente progetto di Dottorato ha avuto come principali obiettivi: 1 Valutare lo switching attentivo (SA) in giocatori di pallavolo, soggetti con Malattia di Huntington (MH), pazienti con cefalea. 2 Valutare come la valenza di un set di stimoli emotigeni possa modulare lo SA in un campione di bambini della Scuola Primaria. Abbiamo, quindi, condotto i seguenti studi: 1a Considerando l’importanza che le FE rivestono nell’attività agonistica sportiva abbiamo indagato le abilità di TS in giocatori professionisti di pallavolo. Ponendoci come obiettivo la comprensione della possibile relazione tra il ruolo svolto e le abilità esecutive necessarie al ruolo stesso, abbiamo selezionato gli atleti sulla base delle specifiche competenze di gioco, rispettivamente Strikers (S), Defenders (D) e Mixed (M). L’analisi dei dati ci ha permesso di concludere che ogni ruolo è definito da specifiche abilità esecutive, mostrando come gli S impieghino un minor tempo per rispondere agli stimoli provenienti dall’ambiente esterno, rispetto agli altri due gruppi sperimentali per i quali era necessario un tempo maggiore per il processing dell’informazione. Tali dati forniscono un contributo all’implementazione di strumenti che coadiuvino i selezionatori nella fase di recruitment, alla comprensione dei meccanismi esecutivi necessari alla formazione dell’atleta e all’identificazione del suo ruolo all’interno della squadra. 1b Collaborando con l’Huntington and Rare Diseases Unit-IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza Hospital e CSS-Mendel, Roma abbiamo indagato le abilità di TS in soggetti in stadi pre-sintomatici della MH. Il confronto tra i due gruppi e con soggetti di controllo ha permesso l’individuazione di uno specifico e precoce executive impairment che rifletterebbe la progressione della malattia. Tale risultato confermerebbe come i protocolli di TS siano efficacemente sensibili all’individuazione precoce di deficit dell’attenzione. 1c Collaborando con il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Roma, UOC di Neurologia ci siamo chiesti se il TS potesse rintracciare in pazienti con cefalea episodica ad alta e bassa frequenza e cronica un’alterazione dei processi di controllo esecutivo. Il confronto tra i tre gruppi e il gruppo di controllo ha evidenziato come nei primi esista un peggioramento della performance esecutiva e come siano i pazienti con cefalea cronica e ad alta frequenza a riportare un incremento dello switch cost e dei tempi di riposta. 2a Collaborando con le Scuole Primarie abbiamo indagato gli effetti che i processi di elaborazione della valenza di stimoli emotigeni possono avere sui processi di ancoraggio/disancoraggio dell’attenzione mediante la somministrazione di TS emozionale. I risultati mettono in evidenza come stimoli emotivamente connotati modulino l’abilità di TS e come il protocollo sia sensibile alla misurazione di tale abilità cognitiva durante lo sviluppo.

Modelli di Task Switching nella valutazione della funzionalità esecutiva. Studi sperimentali condotti sulla popolazione generale e in individui con Malattia di Huntington / D'Aurizio, Giulia. - (2021 Jul 30).

Modelli di Task Switching nella valutazione della funzionalità esecutiva. Studi sperimentali condotti sulla popolazione generale e in individui con Malattia di Huntington

D'AURIZIO, GIULIA
2021

Abstract

Comprendere il comportamento umano rappresenta una delle maggiori sfide a cui è chiamato chi si occupa di Scienze Psicologiche e di Neuroscienze. I processi cognitivi rappresentano gli strumenti con cui parcellizziamo l’ambiente e processiamo le informazioni trasducendole in comportamenti complessi. Una parte cardine in tale processo viene mediato dalle Funzioni Esecutive (FE): processi cognitivi di ordine superiore che in modo top down modulano la corretta esecuzione di processi cognitivi sottostanti. Risultano suscettibili agli insulti derivanti da patologie neurodegenerative e da modificazioni anatomo-funzionali che caratterizzano lo sviluppo cognitivo. Comprendere come possano precocemente alterarsi in alcune patologie significherebbe rintracciare i prodromi di una più generale alterazione della funzionalità cognitiva. Partendo da tali considerazioni, il presente progetto di Dottorato ha avuto come principali obiettivi: 1 Valutare lo switching attentivo (SA) in giocatori di pallavolo, soggetti con Malattia di Huntington (MH), pazienti con cefalea. 2 Valutare come la valenza di un set di stimoli emotigeni possa modulare lo SA in un campione di bambini della Scuola Primaria. Abbiamo, quindi, condotto i seguenti studi: 1a Considerando l’importanza che le FE rivestono nell’attività agonistica sportiva abbiamo indagato le abilità di TS in giocatori professionisti di pallavolo. Ponendoci come obiettivo la comprensione della possibile relazione tra il ruolo svolto e le abilità esecutive necessarie al ruolo stesso, abbiamo selezionato gli atleti sulla base delle specifiche competenze di gioco, rispettivamente Strikers (S), Defenders (D) e Mixed (M). L’analisi dei dati ci ha permesso di concludere che ogni ruolo è definito da specifiche abilità esecutive, mostrando come gli S impieghino un minor tempo per rispondere agli stimoli provenienti dall’ambiente esterno, rispetto agli altri due gruppi sperimentali per i quali era necessario un tempo maggiore per il processing dell’informazione. Tali dati forniscono un contributo all’implementazione di strumenti che coadiuvino i selezionatori nella fase di recruitment, alla comprensione dei meccanismi esecutivi necessari alla formazione dell’atleta e all’identificazione del suo ruolo all’interno della squadra. 1b Collaborando con l’Huntington and Rare Diseases Unit-IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza Hospital e CSS-Mendel, Roma abbiamo indagato le abilità di TS in soggetti in stadi pre-sintomatici della MH. Il confronto tra i due gruppi e con soggetti di controllo ha permesso l’individuazione di uno specifico e precoce executive impairment che rifletterebbe la progressione della malattia. Tale risultato confermerebbe come i protocolli di TS siano efficacemente sensibili all’individuazione precoce di deficit dell’attenzione. 1c Collaborando con il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, Roma, UOC di Neurologia ci siamo chiesti se il TS potesse rintracciare in pazienti con cefalea episodica ad alta e bassa frequenza e cronica un’alterazione dei processi di controllo esecutivo. Il confronto tra i tre gruppi e il gruppo di controllo ha evidenziato come nei primi esista un peggioramento della performance esecutiva e come siano i pazienti con cefalea cronica e ad alta frequenza a riportare un incremento dello switch cost e dei tempi di riposta. 2a Collaborando con le Scuole Primarie abbiamo indagato gli effetti che i processi di elaborazione della valenza di stimoli emotigeni possono avere sui processi di ancoraggio/disancoraggio dell’attenzione mediante la somministrazione di TS emozionale. I risultati mettono in evidenza come stimoli emotivamente connotati modulino l’abilità di TS e come il protocollo sia sensibile alla misurazione di tale abilità cognitiva durante lo sviluppo.
Modelli di Task Switching nella valutazione della funzionalità esecutiva. Studi sperimentali condotti sulla popolazione generale e in individui con Malattia di Huntington / D'Aurizio, Giulia. - (2021 Jul 30).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesi Dottorato_GDAURIZIO.pdf

accesso aperto

Descrizione: TESI
Tipologia: Tesi di dottorato
Dimensione 6.85 MB
Formato Adobe PDF
6.85 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/169733
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact