Metamorfosi, vanitas e finzione: la donna anziana nella poesia barocca italiana