L’attività giuridica in materia di acque e il codice civile del 1865: tra inadeguatezza funzionale della legislazione e interpretazione “progressiva” della norma giuridica