Lavoro “atipico” e opinione di sé del lavoratore