Tra le numerose scrittrici attive nel XVII secolo, Margherita Costa (1600ca.-1657) si distingue per la copiosissima e variegata produzione e per i toni, scanzonati e lucidi, con cui rivendica l’indipendenza femminile. Il contributo presenta un’indagine preliminare della sua verve nell’orizzonte poetico coevo: l’analisi sarà incentrata sulla lettura di alcuni componimenti lirici tratti dalla raccolta Il Violino (1638). Attraversando la varietà stilistica e tematica del canzoniere, ancora inedito, si tenterà di mostrare la lucidità con cui la poetessa romana, ingiustamente oscurata dalla critica, rivendica l’indipendenza femminile e rimodula gli stilemi barocchi.

Il Violino di Margherita Costa: prime indagini

DI MARO, MARIA
2019

Abstract

Tra le numerose scrittrici attive nel XVII secolo, Margherita Costa (1600ca.-1657) si distingue per la copiosissima e variegata produzione e per i toni, scanzonati e lucidi, con cui rivendica l’indipendenza femminile. Il contributo presenta un’indagine preliminare della sua verve nell’orizzonte poetico coevo: l’analisi sarà incentrata sulla lettura di alcuni componimenti lirici tratti dalla raccolta Il Violino (1638). Attraversando la varietà stilistica e tematica del canzoniere, ancora inedito, si tenterà di mostrare la lucidità con cui la poetessa romana, ingiustamente oscurata dalla critica, rivendica l’indipendenza femminile e rimodula gli stilemi barocchi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/179823
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact