ra le numerose poetesse dimenticate del XVII secolo, la produzione poetica di Margherita Costa (1600 ca.-1657) si distingue per quantità e qualità. Nel suo vasto corpus – sei volumi di poesia, due opere in prosa, tre drammi, due poesie narrative e un poemetto per cavalieri – la romana, con toni lucidi e scanzonati, rivendica l’indipendenza femminile. L’analisi, stilistica e tematica, sarà incentrata su alcune liriche tratte dalle sue prime collezioni poetiche, quali La Chitarra, Il Violino (1638) e Lo stipo (1639), in cui è possibile seguire le novità formali e tematiche proposte dalla poetessa. Infatti, da un lato Costa gioca con le tradizionali forme metriche – terza rima, sonetti, canzonetta, ottava, idilli – arrivando a soluzioni originali, dall’altro riempie questi contenitori con argomenti estremamente moderni. I suoi versi, che tradiscono la conoscenza dei principali autori italiani del passato e del suo tempo, mirano a celebrare la libertà delle donne, proponendo argomentazioni che vanno oltre i confini entro i quali la scrittura femminile è convenzionalmente confinata.

Una poetessa del XVII secolo: Margherita Costa

DI MARO, MARIA
2020

Abstract

ra le numerose poetesse dimenticate del XVII secolo, la produzione poetica di Margherita Costa (1600 ca.-1657) si distingue per quantità e qualità. Nel suo vasto corpus – sei volumi di poesia, due opere in prosa, tre drammi, due poesie narrative e un poemetto per cavalieri – la romana, con toni lucidi e scanzonati, rivendica l’indipendenza femminile. L’analisi, stilistica e tematica, sarà incentrata su alcune liriche tratte dalle sue prime collezioni poetiche, quali La Chitarra, Il Violino (1638) e Lo stipo (1639), in cui è possibile seguire le novità formali e tematiche proposte dalla poetessa. Infatti, da un lato Costa gioca con le tradizionali forme metriche – terza rima, sonetti, canzonetta, ottava, idilli – arrivando a soluzioni originali, dall’altro riempie questi contenitori con argomenti estremamente moderni. I suoi versi, che tradiscono la conoscenza dei principali autori italiani del passato e del suo tempo, mirano a celebrare la libertà delle donne, proponendo argomentazioni che vanno oltre i confini entro i quali la scrittura femminile è convenzionalmente confinata.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
20.Maria Di Maro_Margherita Costa poetessa.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: Originale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 46.22 MB
Formato Adobe PDF
46.22 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
20.Maria Di Maro_Margherita Costa poetessa_1.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: File compresso
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 487.34 kB
Formato Adobe PDF
487.34 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/179843
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact