La silloge poetica di Alessandro Adimari viene letta come un elogio paradossale della bellezza femminile, osservata nei suoi aspetti particolari. L'esaltazione dei difetti fisici e degli scarti dalla norma si giustifica nel segno del divertissement di matrice marinista e nel gusto per lo stravagante. La poesia di Adimari è però segnata da un forte intento morale ed edificante, per cui la descrizione fisica non si accompagna mai alla derisione. Nella diversità il poeta coglie un segno della superiorità morale, che si coniuga con il gusto barocco per l'eccesso e per l'esaltazione del dato materiale.

«Sventurato e misero sembiante»: difetti e menomazioni nella Tersicore di Alsessandro Adimari

V. Merola
2022

Abstract

La silloge poetica di Alessandro Adimari viene letta come un elogio paradossale della bellezza femminile, osservata nei suoi aspetti particolari. L'esaltazione dei difetti fisici e degli scarti dalla norma si giustifica nel segno del divertissement di matrice marinista e nel gusto per lo stravagante. La poesia di Adimari è però segnata da un forte intento morale ed edificante, per cui la descrizione fisica non si accompagna mai alla derisione. Nella diversità il poeta coglie un segno della superiorità morale, che si coniuga con il gusto barocco per l'eccesso e per l'esaltazione del dato materiale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Valeria Merola (1).pdf

embargo fino al 01/03/2024

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 764.71 kB
Formato Adobe PDF
764.71 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/182692
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact