«Sventurato e misero sembiante»: difetti e menomazioni nella Tersicore di Alsessandro Adimari