Negli ultimi sei anni un’altra città delle dimensioni di Lecce (circa 14 km2) è sorta lungo le coste italiane al ritmo medio di 5 ettari a settimana: è quanto emerge dai dati satellitari (https:// land.copernicus.eu/local/coastal-zones) e dalle elaborazioni dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale) sul consumo di suolo che proseguono nella registrazione di una dinamica apparentemente incontenibile (ISPRA, 2020). Valori di questa entità e superiori emergono in continuazione dai sempre più precisi rilevamenti satellitari, sebbene il fenomeno sia ormai di pubblico dominio e la sensibilità, almeno a parole, piuttosto diffusa negli apparati politici e comunicativi. Il processo di consapevolezza è stato anche enfatizzato nel dibattito conseguente alle vicende pandemiche e la necessità che il rilancio del “Sistema Italia” passi attraverso il nuovo modello di sviluppo sostenibile, ha condotto alla istituzione del Ministero della Transizione Ecologica che segna, almeno in teoria, un cambiamento di paradigma nel percorso per raggiungere gli obiettivi espressi nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.

1.1 DAL PIANO AL PROGETTO URBANO: REPORT URBAN NATURE 2021 La rimodulazione operativa verso la transizione ecologica delle città

Lorena Fiorini;Bernardino Romano
2021

Abstract

Negli ultimi sei anni un’altra città delle dimensioni di Lecce (circa 14 km2) è sorta lungo le coste italiane al ritmo medio di 5 ettari a settimana: è quanto emerge dai dati satellitari (https:// land.copernicus.eu/local/coastal-zones) e dalle elaborazioni dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale) sul consumo di suolo che proseguono nella registrazione di una dinamica apparentemente incontenibile (ISPRA, 2020). Valori di questa entità e superiori emergono in continuazione dai sempre più precisi rilevamenti satellitari, sebbene il fenomeno sia ormai di pubblico dominio e la sensibilità, almeno a parole, piuttosto diffusa negli apparati politici e comunicativi. Il processo di consapevolezza è stato anche enfatizzato nel dibattito conseguente alle vicende pandemiche e la necessità che il rilancio del “Sistema Italia” passi attraverso il nuovo modello di sviluppo sostenibile, ha condotto alla istituzione del Ministero della Transizione Ecologica che segna, almeno in teoria, un cambiamento di paradigma nel percorso per raggiungere gli obiettivi espressi nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/191719
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact