Una “concatenazione apocrifa”: cinema e poesia in Robert Musil