Le antiche nobiltà aquilane, tra i secoli XVI e XVII, avevano profondamente modificato la loro identità. Non più aristocrazie mercantili, le componenti del patriziato cittdino avevano ormai inglobato nuovi pervenu derivanti dalla devoluzione dei feudi spagnpoli e divenuto ora nuovi proprietari e nobili. Si ridisegnano dunque nuovi confini identitari in assenza di antica feudalità, secondo originali tentativi di inventare una coscienza nobiliare.

"Chi crede d'essere nobile, perché tale d'essere presume, s'inganna": identità nobiliari all'Aquila tra i secoli XVI e XVII

MANTINI, SILVIA MARIA
2008-01-01

Abstract

Le antiche nobiltà aquilane, tra i secoli XVI e XVII, avevano profondamente modificato la loro identità. Non più aristocrazie mercantili, le componenti del patriziato cittdino avevano ormai inglobato nuovi pervenu derivanti dalla devoluzione dei feudi spagnpoli e divenuto ora nuovi proprietari e nobili. Si ridisegnano dunque nuovi confini identitari in assenza di antica feudalità, secondo originali tentativi di inventare una coscienza nobiliare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/24096
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact