IL RECUPERO “SOSTENIBILE”. Gli spazi aperti di relazione