Il romanzo: un genere “cannibale” e polimorfico