“Tutto l’inconscio se la squaglia davanti a voi”. Su Céline e sul neopicaresco