Gli “indicatori geografici” come fonte per gli studi dialettali: esempi lucani