Massimiano e la sorti dell'elegia latina