L'intelligibilità della storia. Sartre e Bergson