Il tema Valutazione e Quadri Conoscitivi è stato affrontato focalizzando l’attenzione sulla forma e contenuti dei sistemi della conoscenza in relazione agli impianti legislativi regionali in materia Urbanistica e/o indirizzati al Governo del Territorio e alla Sostenibilità dello sviluppo. Ne è risultato un panorama nel quale, nella maggior parte delle Leggi Regionali, il Sistema delle Conoscenze nasce nel piano e in esso si aggiorna, divenendo in taluni casi attestato di invarianti strutturali declinate come vincoli, un Sistema delle Conoscenze stabile in relazione alla sua rigidezza. Dal lato opposto si riconosce in alcune Leggi o Disegni di Legge Regionali un ruolo garantista del Sistema delle Conoscenze (Basilicata, Abruzzo, etc.) che ne impone contemporaneamente un ruolo terzo ma anche “interno” alla pianificazione (terzo perché costruito fuori dal piano, interno perché completato dalla conoscenza intenzionale del piano stesso), integrato con la Valutazione Ambientale e a supporto della verifica preliminare di Sostenibilità e/o Compatibilità ambientale dei diversi progetti di sviluppo di un dato territorio. In questo caso si tratta di una conoscenza dinamica, aggiornabile, e meno “stabile” degli Statuti. In generale però, il Sistema delle Conoscenze è ancora considerato nella sua accezione “classica” o “astenghiana”, in cui il ruolo delle informazioni è di supporto alla giustificazione dei processi di costruzione del Piano e delle relative scelte.

Valutazione e Quadri Conoscitivi

DI LUDOVICO, DONATO
2011-01-01

Abstract

Il tema Valutazione e Quadri Conoscitivi è stato affrontato focalizzando l’attenzione sulla forma e contenuti dei sistemi della conoscenza in relazione agli impianti legislativi regionali in materia Urbanistica e/o indirizzati al Governo del Territorio e alla Sostenibilità dello sviluppo. Ne è risultato un panorama nel quale, nella maggior parte delle Leggi Regionali, il Sistema delle Conoscenze nasce nel piano e in esso si aggiorna, divenendo in taluni casi attestato di invarianti strutturali declinate come vincoli, un Sistema delle Conoscenze stabile in relazione alla sua rigidezza. Dal lato opposto si riconosce in alcune Leggi o Disegni di Legge Regionali un ruolo garantista del Sistema delle Conoscenze (Basilicata, Abruzzo, etc.) che ne impone contemporaneamente un ruolo terzo ma anche “interno” alla pianificazione (terzo perché costruito fuori dal piano, interno perché completato dalla conoscenza intenzionale del piano stesso), integrato con la Valutazione Ambientale e a supporto della verifica preliminare di Sostenibilità e/o Compatibilità ambientale dei diversi progetti di sviluppo di un dato territorio. In questo caso si tratta di una conoscenza dinamica, aggiornabile, e meno “stabile” degli Statuti. In generale però, il Sistema delle Conoscenze è ancora considerato nella sua accezione “classica” o “astenghiana”, in cui il ruolo delle informazioni è di supporto alla giustificazione dei processi di costruzione del Piano e delle relative scelte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/26418
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact