La generazione dei "senza-città": i bambini all'Aquila dopo il terremoto