Per Vincenza Garibaldi una maestra elementare “esodata” agli albori del Novecento