“Spostamenti progressivi dei linguaggi”. Martone e l’opera d’arte totale