Un'inedita redazione abruzzese del De arte illuminandi