Prendendo spunto da un modello fisico-matematico delle strutture scheletriche centro-facciali precedentemente elaborato viene analizzata la possibilità di approfondire la diffusione loco-regionale e quindi il valore del T nei carcinomi epidermidi del massiccio facciale. Il modello prevede sistemi portanti orizzontali (arcate superiore, media ed inferiore) raccordati da pilastri verticali di resistenza (anteriore, medio e posteriore). Fra i sistemi portanti è sotteso un sistema di pareti laminari ossee che definiscono le cavità sinusali e le fosse nasali. Il T viene ad acquisire valore diverso se insorge in epiteli di rivestimento di strutture portanti che costituiscono un ostacolo alla diffusione locoregionale o, al contrario, di strutture laminari. A sua volta la valenza del T è da diversificare in Ta e Tb a seconda che l’insorgenza corrisponda a strutture laminari in rapporto con tessuti molli, rispettivamente a minore (T1a, T2a, T3a e T4A) o maggiore (T1b, T2b, T3b, T4b) valenza anatomo-chirurgica e funzionale.

Considerazioni su correlazioni tra morfostruttura del terzo medio ed orientamenti classificativi dei tumori maligni epiteliali del distretto

CUTILLI, Tommaso
1999

Abstract

Prendendo spunto da un modello fisico-matematico delle strutture scheletriche centro-facciali precedentemente elaborato viene analizzata la possibilità di approfondire la diffusione loco-regionale e quindi il valore del T nei carcinomi epidermidi del massiccio facciale. Il modello prevede sistemi portanti orizzontali (arcate superiore, media ed inferiore) raccordati da pilastri verticali di resistenza (anteriore, medio e posteriore). Fra i sistemi portanti è sotteso un sistema di pareti laminari ossee che definiscono le cavità sinusali e le fosse nasali. Il T viene ad acquisire valore diverso se insorge in epiteli di rivestimento di strutture portanti che costituiscono un ostacolo alla diffusione locoregionale o, al contrario, di strutture laminari. A sua volta la valenza del T è da diversificare in Ta e Tb a seconda che l’insorgenza corrisponda a strutture laminari in rapporto con tessuti molli, rispettivamente a minore (T1a, T2a, T3a e T4A) o maggiore (T1b, T2b, T3b, T4b) valenza anatomo-chirurgica e funzionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/32491
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact