L'evoluzione del distico elegiaco tra Catullo e Ovidio