Sulla modellazione solida dell’errore cinematico di forma